top of page

USA: LA DESTRA BRANDISCE LA PACE. DOPO AVER UCCISO POLITICAMENTE MCCARTY di Mario Michele Pascale

Kevin McCarthy è stato falciato dal fuoco amico. Troppo accondiscendente con Biden. L'attualità di un detto di Mao Tze Tung e la confusione della politica americana in cui la destra fa la sinistra e la sinistra fa la destra
Kevin McCarty e Donald Trump USA
Kevin McCarty e Donald Trump

La Camera degli Stati Uniti ha dato il benservito, 216 voti favorevoli e 210 voti contrari, allo speaker Kevin McCarthy. Si è trattato di un regolamento dei conti interno al partito repubblicano, di cui McCarty fa parte. Otto repubblicani, votando con i democratici, hanno respo possibile la sua caduta. McCarty era stato nominato solo nove mesi fa, dopo un lunghissimo stallo. L'ala radicale del partito, che si è materializzata nella firma, sotto il documento, di Matt Gaetz, accusava l'ex speaker di "eccessivo realismo", ovvero di avere collaborato con i democrats per evitare il cosiddetto shutdown, la parziale chiusura delle attività del governo federale statunitense.

Donald Trump, il cui intervento fu decisivo per la sua elezione, e che in pratica telefonò ad ogni avente diritto al voto per perorare la causa del "my Kevin", oggi si è defilato.


GRANDE E' LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO. E LA DESTRA AVANZA

Grande è la confusione sotto il cielo: un partito affossa un suo alto rappresentante. Ed è la prima volta che accade nella storia statunitense. Ma la vicenda è significativa anche perchè mette una pietra tombale su ogni forma di collaborazione con Joe Biden e i suoi. Ad oggi i repubblicani "moderati" hanno coperto molte delle scelte del presidente: a cominciare dal piano Biden da mille miliardi per le infrastrutture, arrivando al dialogo sul cosiddetto shutdown. Passando per i generosi aiuti USA all'Ucraina, che iniziano ad essere mal tollerati sia da parte dei repubblicani che da parte dell'opinione pubblica.

Proprio per evitare un ulteriore blocco sul bilancio federale gli aiuti a Kiev sono stati stralciati e rimandati ad un secondo momento. Cosa talmente imbarazzante che Joe Biden ha dovuto rassicurare, uno per uno, personalmente, gli alleati europei.

Il governatore della Florida Ron DeSantis, USA, McCarty
Il governatore della Florida Ron DeSantis

Maggiore è la confusione e, parafrasando Mao Tze Tung, grande è l'opportunità per l'ala oltranzista repubblicana. Trump, per quanto azzoppato dalle inchieste giudiziarie che, magicamente, entrano nel vivo sotto elezioni, mostra di avere ancora molto appeal nell'America profonda e tra una working class che non comprende perchè si finanzi una guerra contro la Russia quando il problema dell'industria e del commercio americani è la Cina. Ma più di lui, tra la classe media, avanza Ron DeSantis, governatore della Florida. Ambedue, sul conflitto ucraino, hanno le idee chiare: Trump ha già detto che con lui al governo la guerra non sarebbe mai scoppiata e con lui di rientro alla Casa Bianca sarebbe finita entro tre giorni. Ron DeSantis è stato perentorio, dicendo: "basta assegni in bianco a Kiev" e che, in Ucraina,

"è ora di un cessate il fuoco".


IL PUGNO CHIUSO DELLA DESTRA "PACIFISTA". ROBA DA MAL DI TESTA

Donald Trump a pugno chiuso, USA, McCarty
Donald Trump a pugno chiuso

Il segno iconografico di questa confusione è il pugno chiuso trumpiano, che, nel resto del mondo, è simbolo universale di posizioni di sinistra, ma negli Stati Uniti è stato assimilato dalla destra: non solo Donald, ma anche i suoi Proud Boys si salutano così. Trump e Desantis enunciano una nuova teoria della "America first", del disimpegno economico e militare dalle paludi geopolitiche mondiali, per dedicarsi alle contraddizioni interne della middle e della working class degli Stati Uniti. Per loro la guerra è, essenzialmente, commerciale. Si combatte con i dazi doganali, non con le pallottole.

Sono, ambedue, un raro esempio di pacifisti che vogliono gli americani, in casa loro, armati fino ai denti.

Mentre Joe Biden, il progressista, è, oggettivamente, un guerrafondaio che vuole bandire le armi dal proprio paese.

Un mondo alla rovescia. Abbastanza per far venire il mal di testa.


Mario Michele Pascale




88 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page